Olio di Iperico

iperico perforatum

Olio di Iperico

Dalla primavera inoltrata vi sarà capitato spesso di intravedere piccole infiorescenze gialle che spiccano nelle campagne e spesso su bordo strada.
In Sardegna è diffusissimo a quasi tutte le altezze, dalla pianura sino ai monti.
Vi raccomando di procedere alla raccolta sempre in luoghi non soggetti a inquinamento, raccogliere le infiorescenze in maniera moderata, evitare di strappare le piante, eseguire la raccolta nelle prime ore del mattino quando lumidità notturna è già svanita lasciando posto al primo sole.
Questa è una semplice e antica ricetta che richiede pochissimi ingredienti e sufficiente pazienza per un prodotto completamente naturale e preparabile in casa.
L’iperico (o erba di San Giovanni) è una pianta erbacea con caratteristici fiorellini gialli. Le foglie sono ovali e allungate.
L’iperico raggiunge la fioritura massima durante il solstizio d’estate , sulla data si sono sviluppate tantissime leggende,ma comunque questo rimane il periodo più propizio per la raccolta al fine di ottenere il massimo dei benefici da questa “miracolosa” pianta!
Rammento che i fiori dovranno essere freschi e non completamente secchi.
In cosmetica è usato per le sue tante proprietà
L’iperico è ricchissimo di principi attivi: flavonoidi, tannini, ipercina, acido clorogenico e caffeico. L’olio di iperico è un valido rimedio in caso di scottature, ustioni ed eritemi solari, lenitivo in casi di psoriasi della cute.
E’ inoltre utile per trattare la pelle arrossata nei bambini, combatte efficacemente l’invecchiamento della pelle poiché stimola la rigenerazione cellulare.
Eccellente come lenitivo dopo le classiche prime abbronzature.
Das consigliare luso prima di prendere il sole.
Come prepararlo.

Ingredienti:

  • Fiori freschi di Iperico
  • Olio extravergine di oliva

Preparazione

La ricetta dell’olio di iperico è molto semplice e prevede solo due ingredienti: i fiori freschi di iperico e olio di girasole (sostituibile con olio di oliva o di mandorle dolci), noi raccomandiamo esclusivamente l’olio extra vergine di oliva.
Raccogliamo le cime fiorite della pianta solo in luoghi lontani da smog e altre fonti di inquinamento.
Adesso dopo averle lasciate almeno 12 ore stese allaria ma non al sole, mettiamo le infiorescenze in contenitori di vetro, possibilmente i tipici barattoli da confettura e ricopriamo completamente i fiori con olio extravergine di oliva.
I barattoli di vetro andranno lasciati all’aperto, sotto il sole, ogni tanto agitiamoli per rimescolarne il contenuto.
Dopo qualche giorno, consiglio non più di 14, l’olio assumerà il caratteristico colore rosso intenso, segno anche che il preparato può passare alla fase successiva.
A questo punto possiamo filtrare e imbottigliare in contenitori, sempre in vetro, ma più piccoli.
Filtrare con un colino e poi filtrare nuovamente con una garza.
L’olio che si ottiene è limpido, di colore rossiccio e ha profumo particolare e intenso, la viscosità è elevata e apparirà lievemente denso..

L’olio di iperico può essere usato puro sulla pelle.

Invia richiesta

Fai la tua domanda, risponderemo nel minor tempo possibile. Grazie.

Sending
Costa degli Olivi è un marchio registrato di proprietà della Soc. Coop. Agr. Oliv. Valle del Cedrino | P.IVA 01071440919 | Realizzazione sito Hogueraweb

Log in with your credentials

Forgot your details?